Museo Cantonale di Storia Naturale

Il museo è un'istituzione dalle "molte facce"

Maggiore consapevolezza sul ruolo crescente che l’uomo svolge nel quadro naturale.

La struttura museale si sviluppa su due piani: al piano inferiore trovano posto l’auditorio (100 posti)

Storia

Nel 1853 Luigi Lavizzari, naturalista e uomo politico, crea presso il Liceo cantonale (allora nel centro di Lugano) un Gabinetto di storia naturale con parte delle sue collezioni, nell’intento di gettare le basi per un futuro “Museo patrio”. Grazie a donazioni e acquisizioni, nella seconda metà dell’Ottocento il patrimonio scientifico del museo cresce fino a raggiungere i 10’000 pezzi al passaggio di secolo.

Nel 1904 il Museo si trasferisce nel Palazzo degli studi di viale Cattaneo, assumendo l’aspetto di una ordinata collezione, ma restando sempre chiuso al pubblico. Prosegue l’incremento delle collezioni, che alla fine degli anni Settanta ammontano a circa 100’000 reperti.

Nel 1979, con il trasloco nella nuova Palazzina delle scienze, il Museo assume la sua veste attuale, con una esposizione permanente aperta al pubblico e compiti ampliati nel campo della ricerca e della protezione della natura.

Nel 1990, con la creazione dell’Ufficio protezione della natura (ora Ufficio della natura e del paesaggio, UNP), il Museo rivede i propri compiti, volgendo il suo interesse ai seguenti sei campi di attività: ricerca, conservazione, documentazione, divulgazione, formazione, consulenza. Attualmente le collezioni del museo sono stimate a quasi mezzo milione di reperti.

Nel 2005 il Consiglio di Stato decide di dare avvio alla progettazione di una nuova struttura museale, denominata Museo del territorio.

Il progetto si prefigge di fornire, attraverso un approccio interdisciplinare originale e innovativo, una chiave di lettura globale degli aspetti naturalistici, archeologici e di quelli legati alla storia del nostro territorio.

Il museo

 

 

Il Museo è un’istituzione dalle “molte facce”, che funge da importante polo di riferimento in campo naturalistico per una vasta cerchia di utenza: il singolo cittadino, la scuola, gli istituti di ricerca, le associazioni, l’economia privata, la pubblica amministrazione.

Fondato nel 1853 come Gabinetto di storia naturale da Luigi Lavizzari – insigne naturalista e uomo politico dell’Ottocento – il Museo fu completamente ristrutturato nella seconda metà degli anni Settanta.

Aperto al pubblico nel 1979, esso è oggi un servizio del Dipartimento del territorio con attività scientifica e didattica propria.

 

Suo compito principale è ricercare, documentare, studiare e divulgare le conoscenze relative al patrimonio naturale del Cantone Ticino.

Nelle sue vesti di “mediatore culturale”, ad esso spetta anche il compito di sviluppare una maggiore consapevolezza sul ruolo crescente che l’uomo svolge nel quadro naturale.

La struttura museale si sviluppa su due piani: al piano inferiore trovano posto l’auditorio (100 posti a sedere), l’esposizione permanente (1100 m2) e l’officina; al piano superiore sono situati gli uffici, la biblioteca, il laboratorio e cinque locali per le collezioni.

Il personale impiegato comprende i responsabili dei singoli settori naturalistici (mineralogia e petrografia, paleontologia e geologia generale, zoologia dei vertebrati, zoologia degli invertebrati, botanica, micologia) e i collaboratori dei servizi generali (segreteria, biblioteca, grafica, officina, sorveglianza), ai quali si aggiungono, per periodi di tempo limitati, anche ricercatori esterni, borsisti, studenti o tirocinanti.

Related posts

Rate and write a review

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Orari di apertura Mattino: 9.00 - 12.00 Pomeriggio: 14.00 - 17.00 Chiusura: lunedì e giorni festivi Scuole e gruppi sono pregati di annunciarsi in anticipo Entrata libera